invalsi2019A partire dalla Maturità 2019 il test Invalsi costituirà uno dei requisiti d'ammissione all'esame di Stato, divenendo a tutti gli effetti una prova fondamentale per poter concludere il ciclo di scuola superiore. Verrà abolita la terza prova e gli studenti dovranno quindi affrontare uno scritto in meno durante l’esame, ma dovranno sostenere una prova in più alcuni mesi prima, nel corso dell’anno scolastico.
Il decreto attuativo della legge n. 107/2015 ha istituito infatti una prova Invalsi di quinta superiore.

  • II secondaria di secondo grado (prova al computer – CBT): Italiano, Matematica
    • classi NON campionedal 6 maggio 2019 al 18 maggio 2019
    • classi campionedal 7 maggio 2019 al 10 maggio 2019
  • V secondaria di secondo grado (prova al computer – CBT): Italiano, Matematica e Inglese
    • classi NON campionedal 4 marzo 2019 al 30 marzo 2019
    • classi campionedal 12 marzo 2019 al 15 marzo 2019

Alle scuole secondarie di secondo grado sarà inviata una nota tecnica legata agli aspetti informatici e organizzativi per lo svolgimento delle prove INVALSI 2019.

Tutte le attività riguardanti la verifica e la valutazione dell’offerta formativa insieme ai segmenti specifici didatticoorganizzativi concorrono all’ambito valutativo del PTOF.

Indicatori di verifica e di valutazione:

Valutazione interna:

  • Successo formativo: efficacia dell’attività didattica, riduzione del tasso di dispersione scolastica, le strategie di
    recupero e di potenziamento messe in atto, orientamento e riorientamento, attività di accoglienza, l’assiduità della
    frequenza, della partecipazione e dell’impegno…
  • Qualità della vita scolastica: numero e qualità dei servizi offerti e attivati nei confronti dell’utenza, soddisfazione
    dimostrato dell’utenza.
  • Qualità delle relazioni interpersonali: disponibilità e collaborazione tra le diverse componenti della istituzione
    scolastica nella costruzione e realizzazione del comune progetto formativo.
  • Qualità delle risorse: a disposizione della scuola per la realizzazione dell’offerta formativa.

Valutazione esterna:

Qualità del rapporto scuola-territorio progetti di collaborazione e dei protocolli d’intesa realizzati con soggetti esterni.

  • INVALSI
  • OCSE PISA

SNVIl format per il Rapporto di Autovalutazione (RAV) è stato elaborato dall'INVALSI con il supporto e la supervisione del Gruppo Start Up (MIUR, INVALSI ed esperti esterni), costituito presso il MIUR ed è il frutto di un lungo percorso di ricerca e sperimentazione che parte dal 2008 e passa attraverso alcuni progetti (Valutazione e Miglioramento, VSQ e VALES).

Il format diffuso attualmente prevede che gli istituti debbano analizzare il contesto in cui operano:

  • popolazione scolastica
  • territorio e capitale sociale
  • risorse economiche e materiali
  • risorse professionali
  • gli esiti dei loro studenti (i risultati scolastici, ma anche quelli delle prove standardizzate, le competenze chiave raggiunte)
  • i processi di organizzazione e gli ambienti di lavoro (dalla predisposizione e progettazione della didattica alla predisposizione degli ambienti di apprendimento, passando per l'integrazione con il territorio).